Fonte. Un ottimo risultato che in futuro dovrebbe premiare i cittadini con uno sgravio sulle tasse. Ma sarà davvero così?   [caption id="attachment_508" align="aligncenter" width="844"] Un estratto della tabella che riporta la produzione comunale di raccolta differenziata nella provincia di Cosenza. Carolei è nella top ten dei comuni più virtuosi.[/caption] Se a livello nazionale l’indagine conferma un dato: meno si inquina, meno i cittadini pagano, in Calabria la tendenza potrebbe paradossalmente cambiare; con deliberazione di Giunta n.344 del 25 luglio 2017 la Regione Calabria ha rimodulato la tariffa regionale per il conferimento dei rifiuti urbani, ne consegue che da gennaio 2018, per il conferimento negli appositi impianti, si passerà dagli attuali 107 euro/tonnellata ai 165 euro/tonnellata; la frazione umida passerà da 92,61 euro/tonnellata a 104 euro/tonnellata. Una mossa che invece di gratificare le famiglie con il più alto senso civico, le penalizzerà in termini di tasse. Così come già proposto qualche mese fa, rilanciamo l’idea di convocare un tavolo tra Amministrazione comunale, Gruppo consiliare di opposizione e Associazioni territoriali, affinché si possa redigere un documento condiviso che esprima il pieno dissenso verso questa iniziativa scellerata; un documento con il quale chiedere, alle forze politiche presenti in Consiglio Regionale, un’assunzione di responsabilità verso quei cittadini già abbastanza vessati da una fiscalità centrale troppo opprimente.   Aggiornamento. Il sindaco di Carolei Francesco Iannucci, ci segnala che qualche giorno fa la Giunta regionale ha inteso sospendere l'efficacia della delibera 344 fino al 30 novembre 2017. In merito, rappresentanti dell’Anci e tecnici del  dipartimento Ambiente, saranno chiamati a individuare una soluzione condivisa.  Attendiamo con fiducia l'esito della trattativa e rimaniamo sempre pronti a far sentire forte la nostra voce in caso di soluzioni poco democratiche. Mind the gap..."/>

Raccolta differenziata. Il grande senso civico di noi caroleani

Qualche giorno fa, l’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) ha pubblicato il Rapporto Rifiuti Urbani – Edizione 2017. Frutto di un efficace e completo sistema conoscitivo sui rifiuti, il Rapporto fornisce un quadro di informazioni oggettivo e puntuale, utile per orientare politiche e interventi adeguati.

Per quanto riguarda l’anno 2016, dal rapporto ISPRA 2017 emerge che i cittadini di Carolei sono fra quelli più virtuosi per quanto concerne la raccolta differenziata nella provincia di Cosenza; nella fattispecie, il nostro paese si piazza all’ottavo posto della speciale classifica (percentuale di RD del 78,81 per cento) – Fonte. Un ottimo risultato che in futuro dovrebbe premiare i cittadini con uno sgravio sulle tasse. Ma sarà davvero così?

 

Un estratto della tabella che riporta la produzione comunale di raccolta differenziata nella provincia di Cosenza. Carolei è nella top ten dei comuni più virtuosi.

Se a livello nazionale l’indagine conferma un dato: meno si inquina, meno i cittadini pagano, in Calabria la tendenza potrebbe paradossalmente cambiare; con deliberazione di Giunta n.344 del 25 luglio 2017 la Regione Calabria ha rimodulato la tariffa regionale per il conferimento dei rifiuti urbani, ne consegue che da gennaio 2018, per il conferimento negli appositi impianti, si passerà dagli attuali 107 euro/tonnellata ai 165 euro/tonnellata; la frazione umida passerà da 92,61 euro/tonnellata a 104 euro/tonnellata. Una mossa che invece di gratificare le famiglie con il più alto senso civico, le penalizzerà in termini di tasse.

Così come già proposto qualche mese fa, rilanciamo l’idea di convocare un tavolo tra Amministrazione comunale, Gruppo consiliare di opposizione e Associazioni territoriali, affinché si possa redigere un documento condiviso che esprima il pieno dissenso verso questa iniziativa scellerata; un documento con il quale chiedere, alle forze politiche presenti in Consiglio Regionale, un’assunzione di responsabilità verso quei cittadini già abbastanza vessati da una fiscalità centrale troppo opprimente.

 

Aggiornamento. Il sindaco di Carolei Francesco Iannucci, ci segnala che qualche giorno fa la Giunta regionale ha inteso sospendere l’efficacia della delibera 344 fino al 30 novembre 2017. In merito, rappresentanti dell’Anci e tecnici del  dipartimento Ambiente, saranno chiamati a individuare una soluzione condivisa. 
Attendiamo con fiducia l’esito della trattativa e rimaniamo sempre pronti a far sentire forte la nostra voce in caso di soluzioni poco democratiche.


Mind the gap…