a questo link. Il sindaco Iannucci ha spiegato per sommi capi quali sono gli interventi che questa Amministrazione intende portare avanti nei prossimi anni, sintetizzando quanto riportato nel documento e altresì annunciando finanziamenti in stato di avanzamento, non riportati ancora nel DUP poiché in attesa, si spera, di essere approvati dagli organi competenti: Il Sindaco inoltre sottolinea la volontà di questa amministrazione di rinunciare a un mutuo di 799.500 euro (previsto dalla vecchia Amministrazione Greco) e pensato per l’adeguamento strutturale con riqualificazione funzionale ed impiantistica della scuola primaria e secondaria di 1° grado sita in località Carolei centro. Tale intervento – spiega Iannucci – sarà comunque posto in essere tramite opportuni finanziamenti, stanziamenti che eviteranno all’ente di contrarre un mutuo e, conseguentemente, rischiare di sforare il patto di stabilità. Iannucci spiega inoltre che è stato avviato un processo di riaccertamento tout-court delle Entrate Proprie Comunali (Titoli I e III) dal 2018 e antecedenti a ritroso, un’operazione resasi necessaria anche per un “problema sollevato dalla Corte dei Conti in merito al Bilancio presentato per l’anno 2015 e per il quale pare ci siano delle incongruenze proprio in merito ai residui dichiarati”. In merito, sottolinea Iannucci, “ne sapremo di più nei prossimi mesi, sperando si tratti di un problema di facile amministrazione”. Il secondo punto è stato votato favorevolmente all’unanimità. In seguito alle dimissioni della consigliera Longo, l’assise è stata chiamata a esprimersi sul nuovo rappresentante del Gruppo Politico “Torre” in seno alla commissione cultura. Come nuova referente è stata scelta la consigliera Miceli, ed è proprio in questa fase che succede qualcosa di difficile interpretazione… il consigliere Giorno mostra qualche perplessità in merito alla designazione, dubbio dettato a nostro avviso da un fraintendendo tra nomina in commissione cultura e nomina del capogruppo “Torre”; anche se il Sindaco, resosi conto del probabile equivoco, ha rimarcato l'oggetto della discussione, ormai il “danno” è fatto, innescando nella consigliera Miceli qualche malumore che la porterà da lì a breve a compiere un’importante scelta. Quanto scritto è frutto della sensazione avuta da chi scrive e da molti degli astanti, purtroppo è molto difficile trasporre in parole, atteggiamenti, sguardi e percezioni vissute durante il dibattito – a tal proposito invitiamo il sindaco a rendere esecutiva la richiesta della dimissionaria consigliera Longo inerente la possibilità di effettuare riprese audio-visive dei consigli comunali, da trasmettere in streaming. Si chiude così la prima parte del consiglio comunale del 21 marzo 2018, giorno che annuncia l’inizio della nuova stagione primaverile e di una nuova stagione politica per il consigliere Rodolfo Leonetti e per la consigliera Maria Antonietta Miceli… Il consigliere di minoranza Leonetti, chiede al sindaco la parola ed esprime la sua volontà di abbandonare la rappresentanza del gruppo Torre in seno al consiglio comunale, a ruota, tra l’incredulità dei presenti, anche la consigliera Miceli abbandona il gruppo “Torre”, confluendo nel gruppo misto con Leonetti e venendo contestualmente eletta capogruppo del nascente “sodalizio”. Il nuovo consiglio di minoranza del comune di Carolei è ora incredibilmente composto da tre forze distinte: Elio Giorno (Gruppo Torre), Marilena Condello (Gruppo civico), Maria Antonietta Miceli e Rodolfo Leonetti (Gruppo misto). Gli ultimi due punti trattati: - Costituzione dell’Ambito Territoriale Minimo (ATEM) di Cosenza 1 – ovest, nuovo soggetto che si occuperà della gestione in forma associata (interessa settantasette comuni con capofila Cosenza) della procedura atta all’’affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale ai sensi del DM 226/2011 - Approvazione definitiva delle particelle catastali percorse dal fuoco afferenti il Catasto Comunale degli Incendi. Entrambi i punti sono stati votati favorevolmente all’unanimità.

  A colloquio con la neoeletta consigliera

Chiusi i lavori di consiglio abbiamo avvicinato la consigliera Miceli per una dichiarazione in merito al suo “distacco” dal Gruppo Torre, una decisione - ci pare di capire - sicuramente non studiata a tavolino, ma nata durante le concitate fasi del consiglio comunale. La consigliera ci riferisce che la decisione è stata dettata dal “non sentirsi considerata, ne è prova evidente quanto successo sulla mia nomina in seno alla Commissione Cultura; a fronte di un pre-accordo, mi è sembrato di capire che qualcuno volesse muovere un passo indietro (NDR - si riferisce all’atteggiamento del consigliere Giorno che ha mostrato qualche titubanza durante il dibattito), è altresì frutto di atteggiamenti che ritengo poco collaborativi e da un gruppo Torre in cui regna un po’ di malcontento…” CaroleiReport augura alla neoeletta consigliera Miceli buon lavoro. * Nella foto di apertura la nuova Commissione Cultura del comune di Carolei."/>

Clamoroso in consiglio comunale: Leonetti “salta giù” dalla Torre, a ruota lo segue la neoconsigliera Miceli

Doveva essere un consiglio comunale tranquillo quello svoltosi lo scorso 21 marzo, con punti all’ordine del giorno non troppo impegnativi, così non è stato e più avanti ne scopriremo il perché.

Il primo punto all’ordine del giorno ha riguardato la surroga della consigliera dimissionaria Veronica Longo (Gruppo Torre), ad ella subentra la prima ad averne diritto, Maria Antonietta Miceli.

La neoeletta consigliera ha voluto ringraziare pubblicamente i suoi elettori, sottolineando che il suo ingresso in Consiglio Comunale rappresenta una grande responsabilità, che porterà avanti con grinta, impegno e dedizione; “spero si possa lavorare sposando il dialogo e il confronto, principi fondamentali per favorire la crescita della collettività”, ha dichiarato.

Il secondo punto discusso ha riguardato l’aggiornamento del DUP (Documento Unico di Programmazione) 2018-2020. Per i più avvezzi alla materia il documento è disponibile a questo link.

Il sindaco Iannucci ha spiegato per sommi capi quali sono gli interventi che questa Amministrazione intende portare avanti nei prossimi anni, sintetizzando quanto riportato nel documento e altresì annunciando finanziamenti in stato di avanzamento, non riportati ancora nel DUP poiché in attesa, si spera, di essere approvati dagli organi competenti:

  • Adeguamento sismico ed impiantistico della scuola materna ed elementare di Vadue per un importo pari a 1.540.000 euro, il cui “progetto è stato approvato in giunta e di cui aspettiamo riscontro”;
  • Riqualificazione delle scuole di Vadue e Carolei, con un impegno di spesa pari a 3.200.000 euro;
  • Accesso a un finanziamento di 5.300.000 euro da destinare alla viabilità (rifacimento del manto stradale, sistemazione di marciapiedi e affini etc);
  • Ripartimento dei 300.000 euro previsti dall’Amministrazione Greco per il rifacimento della strada “piastrellata” di Carolei centro. Iannucci spiega che una parte dei fondi sarà destinato al ripristino della parte di strada di via Calabria (a Vadue) interessata da una frana. L’intervento sulla strada di Carolei sarà comunque attuato variandone la tipologia;
  • Captazione acqua da nuova sorgente, con possibilità di fare confluire il fluido negli attuali acquedotti, incrementando notevolmente la disponibilità idrica e scongiurando, si spera, il ripetersi delle crisi idriche che negli ultimi anni hanno interessato il nostro comune.

Il Sindaco inoltre sottolinea la volontà di questa amministrazione di rinunciare a un mutuo di 799.500 euro (previsto dalla vecchia Amministrazione Greco) e pensato per l’adeguamento strutturale con riqualificazione funzionale ed impiantistica della scuola primaria e secondaria di 1° grado sita in località Carolei centro. Tale intervento – spiega Iannucci – sarà comunque posto in essere tramite opportuni finanziamenti, stanziamenti che eviteranno all’ente di contrarre un mutuo e, conseguentemente, rischiare di sforare il patto di stabilità.

Iannucci spiega inoltre che è stato avviato un processo di riaccertamento tout-court delle Entrate Proprie Comunali (Titoli I e III) dal 2018 e antecedenti a ritroso, un’operazione resasi necessaria anche per un “problema sollevato dalla Corte dei Conti in merito al Bilancio presentato per l’anno 2015 e per il quale pare ci siano delle incongruenze proprio in merito ai residui dichiarati”. In merito, sottolinea Iannucci, “ne sapremo di più nei prossimi mesi, sperando si tratti di un problema di facile amministrazione”. Il secondo punto è stato votato favorevolmente all’unanimità.

In seguito alle dimissioni della consigliera Longo, l’assise è stata chiamata a esprimersi sul nuovo rappresentante del Gruppo Politico “Torre” in seno alla commissione cultura. Come nuova referente è stata scelta la consigliera Miceli, ed è proprio in questa fase che succede qualcosa di difficile interpretazione… il consigliere Giorno mostra qualche perplessità in merito alla designazione, dubbio dettato a nostro avviso da un fraintendendo tra nomina in commissione cultura e nomina del capogruppo “Torre”; anche se il Sindaco, resosi conto del probabile equivoco, ha rimarcato l’oggetto della discussione, ormai il “danno” è fatto, innescando nella consigliera Miceli qualche malumore che la porterà da lì a breve a compiere un’importante scelta. Quanto scritto è frutto della sensazione avuta da chi scrive e da molti degli astanti, purtroppo è molto difficile trasporre in parole, atteggiamenti, sguardi e percezioni vissute durante il dibattito – a tal proposito invitiamo il sindaco a rendere esecutiva la richiesta della dimissionaria consigliera Longo inerente la possibilità di effettuare riprese audio-visive dei consigli comunali, da trasmettere in streaming.

Si chiude così la prima parte del consiglio comunale del 21 marzo 2018, giorno che annuncia l’inizio della nuova stagione primaverile e di una nuova stagione politica per il consigliere Rodolfo Leonetti e per la consigliera Maria Antonietta Miceli… Il consigliere di minoranza Leonetti, chiede al sindaco la parola ed esprime la sua volontà di abbandonare la rappresentanza del gruppo Torre in seno al consiglio comunale, a ruota, tra l’incredulità dei presenti, anche la consigliera Miceli abbandona il gruppo “Torre”, confluendo nel gruppo misto con Leonetti e venendo contestualmente eletta capogruppo del nascente “sodalizio”.

Il nuovo consiglio di minoranza del comune di Carolei è ora incredibilmente composto da tre forze distinte: Elio Giorno (Gruppo Torre), Marilena Condello (Gruppo civico), Maria Antonietta Miceli e Rodolfo Leonetti (Gruppo misto).

Gli ultimi due punti trattati:
– Costituzione dell’Ambito Territoriale Minimo (ATEM) di Cosenza 1 – ovest, nuovo soggetto che si occuperà della gestione in forma associata (interessa settantasette comuni con capofila Cosenza) della procedura atta all’’affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale ai sensi del DM 226/2011
– Approvazione definitiva delle particelle catastali percorse dal fuoco afferenti il Catasto Comunale degli Incendi.

Entrambi i punti sono stati votati favorevolmente all’unanimità.

 
A colloquio con la neoeletta consigliera

Chiusi i lavori di consiglio abbiamo avvicinato la consigliera Miceli per una dichiarazione in merito al suo “distacco” dal Gruppo Torre, una decisione – ci pare di capire – sicuramente non studiata a tavolino, ma nata durante le concitate fasi del consiglio comunale.

La consigliera ci riferisce che la decisione è stata dettata dal “non sentirsi considerata, ne è prova evidente quanto successo sulla mia nomina in seno alla Commissione Cultura; a fronte di un pre-accordo, mi è sembrato di capire che qualcuno volesse muovere un passo indietro (NDR – si riferisce all’atteggiamento del consigliere Giorno che ha mostrato qualche titubanza durante il dibattito), è altresì frutto di atteggiamenti che ritengo poco collaborativi e da un gruppo Torre in cui regna un po’ di malcontento…”

CaroleiReport augura alla neoeletta consigliera Miceli buon lavoro.

* Nella foto di apertura la nuova Commissione Cultura del comune di Carolei.